Nutella compie 50 anni: eventi in tutto il mondo per celebrarla, e anche un francobollo

nutella

 

La Nutella, la crema alla nocciola più famosa al mondo, compie 50 anni. Per festeggiarla, Ferrero ha deciso di promuovere per il 17 e il 18 maggio il Nutella Day, un evento mondiale che partirà da Alba(Cn), dove ha sede lo stabilimento che per primo l’ha prodotta.

Oggi a Roma, sono stati ufficialmente presentati gli appuntamenti celebrativi, presso la sede della stampa estera e alla presenza di Francesco Paolo Fulci, presidente della Ferrero, Federica Guidi, Ministro per lo Sviluppo Economico, Antonio Catricalà e la presidente di Poste Italiane Luisa Todini.

Sabato si terrà la festa ad Alba: in programma ci sono diversi eventi, tra i quali la Nutellam cantata, un’opera buffa per tre voci soliste e orchestra da camera nella Chiesa di San Domenico. Domenica, invece, i festeggiamenti proseguiranno in contemporanea per tutto il mondo, con Mika che chiuderà la programmazione con un concerto a Napoli in Piazza del Plebiscito. Le Poste Italiane, invece, celebreranno da mercoledì i 50 anni di Nutella, con un francobollo da 70 centesimi su fondo dorato con raffigurato il tipico barattolo di vetro e le date 1964 – 2014.

Già negli anni ’20 la famiglia Ferrero immaginava una merenda a base di cioccolato, economica, da accompagnare con il pane. Secondo Pietro Ferrero, la Nutella costituiva un alimento perfetto per gli operai che andavano in fabbrica con pane e salumi o formaggio. In questa fase embrionale, tuttavia, si cominciava a compiere la trasformazione da crema al cioccolato a crema alla nocciola, grazie alla tradizione della gianduia piemontese e alla grande disponibilità di questa materia prima. I difetti, però, restavano ancora tanti, con la ricetta ancora in divenire, la consistenza non spalmabile e soprattutto l’assenza di un nome vincente come sarà Nutella.

Nel 1946 la crema arrivò negli alimentari come Giandujot o pasta Gianduja e costava 4-5 volte meno del cioccolato. Venduta a peso, imbottiva i panini come fosse un qualunque altro salume o formaggio, a fette. Nel 1951, la denominazione divenne Supercrema, una conserva vegetale venduta in barattoli. Nel 1963 Michele Ferrero, figlio di Pietro, decise di promuoverne la commercializzazione in tutta Europa, modificando gli ingredienti, l’etichetta, e il nome stesso del prodotto: così, quando il 20 aprile 1964 il primo barattolo uscì dallo stabilimento di Alba, alla crema venne dato il nome di Nutella, (dal sostantivo inglese “Nut”, ossia nocciola e il suffisso italiano “ella”). Da allora, si configura come il prodotto di punta della Ferrero in tutto il mondo, ed oggi viene venduta in 75 paesi del mondo in una quantità impressionante di 250 mila tonnellate.

 

Redazione