Migranti, la Lega Nord prepara “sbarco” di disoccupati italiani su coste Nord Africa

Bandiere della Lega Nord (Getty Images)
Bandiere della Lega Nord (Getty Images)

Prosegue la campagna della Lega Nord contro l’operazione ‘Mare Nostrum’; Angelo Ciocca, candidato del Carroccio alle europee nella circoscrizione nord-ovest, ha spiegato oggi in una conferenza stampa, a Milano, che venerdì 23 maggio, alle ore 15.00, salperà da Lampedusa, insieme a una rappresentanza di cinque disoccupati italiani, alla volta delle coste nordafricane, dove verrà chiesto provocatoriamente alle autorità locali un aiuto e un sostegno lavorativo.

Ha spiegato Ciocca: “Continuo a ricevere telefonate di disoccupati da varie città del nord Italia, che mi cercano per autocandidarsi a questo viaggio di protesta e insieme di speranza. Si tratta di un segnale forte da parte di persone che non stanno ricevendo alcun tipo di risposta dal governo. Questa mia iniziativa intende porre in evidenza il dramma della disoccupazione e chiedere al governo di tornare a fare una politica attiva del lavoro, abbandonando invece quella passiva della clandestinità. Ci auguriamo che con questa operazione si inverta finalmente la rotta”.

Intanto, il deputato Nicola Molteni, capogruppo del Carroccio in commissione Giustizia, ha chiesto lo “stop all’invio dei clandestini a Como”, oltre al “blocco immediato delle politiche di accoglienza e dell’operazione Mare Nostrum, un fallimento che ci costa 9,3 milioni al mese”. Operazione che ha visto sbarcare oggi due barconi della speranza, con a bordo oltre cento bambini, a sud di Capo Passero, in Sicilia.

Redazione online