Clamorosa svolta per il caso di Pasqualino Porfidia

Caserta (Getty Images)
Caserta (Getty Images)

Clamorosa svolta nelle operazioni di scavo in corso a Marcianise in queste ore dopo la riapertura del caso sulla scomparsa di Pasqualino Porfidia, scomparso 24 anni fa.

Sono stati ritrovati infatti alcuni capi di abbigliamento e frammenti ossei in uno dei cortili nei pressi di via Arno. I reperti ossei ritrovati saranno sottoposti ad accertamenti attraverso specifiche analisi perché potrebbero appartenere anche ad animali. I sopralluoghi, iniziati il 20 maggio, proseguiranno anche domani. Il ritrovamento è avvenuto nel tardo pomeriggio di oggi nella zona in cui i carabinieri della Compagnia di Marcianise hanno concentrato le ricerche. Il pm che sta seguendo il caso si trova sul posto in una delle strade di via Tevere che costeggia la ferrovia.

 

Alla ricerca stanno partecipando i vigili del fuoco e i carabinieri coordinati dal capitano Nunzio Carbone. Questa mattina è stato utilizzato anche un cane molecolare in forza alla polizia di stato.
Gli inquirenti, sulla base di nuovi e rilevantissimi elementi, hanno intrapreso le ricerche del bimbo scomparso 24 anni fa grazie anche all’ausilio delle nuove tecnologie scientifiche di indagine come i geo-radar.

 

Redazione online