Record paralimpici, impresa di Martina Caironi nei 200 metri

Martina Caironi (Gareth Copley/Getty Images)
Martina Caironi (Gareth Copley/Getty Images)

Straordinaria impresa di Martina Caironi, già campionessa olimpica nei 100 metri nella categoria T42, agli Italian Open Championships 2014, riservati agli atleti paralimpici e svoltisi nel weekend a Grosseto. L’atleta originaria della provincia di Bergamo nei 200 metri ha fatto fermare il cronometro a 32”64, facendo meglio di mezzo secondo rispetto al suo precedente personale, ma soprattutto stabilendo il nuovo record mondiale.

“Ho superato me stessa ed è bellissimo. In gara mi sono accorta che poteva arrivare un grande risultato”, ha commentato l’azzurra, che ha nel suo palmares anche un oro nel salto in lungo ai mondiali svoltisi lo scorso anno a Lionre. Ha aggiunto la Caironi: “Non ci sono riuscita sui 100 metri per pochi centesimi, invece oggi ce l’ho fatta. Alla partenza mi è venuto uno sbadiglio e sentivo cedere il ginocchio, ma era un buon segnale, vuol dire che avevo la giusta tensione”.

Nello straordinario weekend di sport paralimpico, bella prestazione nei 100 metri T43 da parte di Giusy Versace, che con il tempo di 14”44 ha migliorato di 28 centesimi il suo precedente personale. Grandissima anche Assunta Legnante, già primatista mondiale di getto del peso categoria F11, con la lunghezza di 16m79, che ha rischiato di essere migliorata. L’atleta dell’Anthropos Civitanova, che ha uno straordinario passato anche tra i normodotati, inficiato da una terribile malattia agli occhi che però non le ha fatto perdere la voglia di confrontarsi con il mondo dell’atletica, si è fermata a 24 centimetri dal record del mondo.

Bene anche Annalisa Minetti: la vincitrice del festival di Sanremo nel 1998, che da qualche anno si confronta con il mondo dello sport paralimpico, ottenendo peraltro notevoli risultati, ha corso nei 1500 metri, percorrendoli in 5 minuti netti.

Redazione online