Il Commissario Cottarelli: “Controlli della Guardia di Finanza sulle spese della Pubblica Amministrazione”

Carlo Cottarelli (Stephen Jaffe/IMF via Getty Images)
Carlo Cottarelli (Stephen Jaffe/IMF via Getty Images)

Il decreto Irpef, ”quello degli 80 euro per intenderci” introdurrà ”importantissime riforme per gli acquisti di beni e servizi da parte delle Pubbliche Amministrazioni”. Lo spiega sul suo blog Carlo Cottarelli, Commissario per la revisione della spesa, specificando che si siamo dinanzi ad”una riforma radicale”e di “ una fondamentale operazione” per rendere efficiente il modo con cui la Pubblica Amministrazione procederà, d’ora in avanti, agli acquisti.
Cottarelli annuncia contestualmente imminenti controlli della Guardia di Finanza e della Ragioneria Generale dello Stato per quei soggetti della Pubblica Amministrazione che risulta abbiano acquistato alcuni prodotti standard come elettricità, gas, carburanti, telefonia e alcuni prodotti sanitari a prezzi più alti rispetto a quelli indicati dalla Consip – la Società del Ministero dell’Economia e delle Finanze che svolge attività di consulenza, assistenza e supporto in favore delle amministrazioni pubbliche nell’ambito degli acquisti di beni e servizi.

Il Commissario alla Spending Review annuncia che il decreto Irpef l conterrà, in particolare, l”indicazione di “prezzi benchmark” per l’acquisto beni essenziali da parte della Pubblica amministrazione. Il criterio sarà duplice: riguarderà infatti le “caratteristiche essenziali” dei beni e la congruità dei prezzi d’acquisto; questi ultimi saranno pubblicati Ministero dell’Economia e delle Finanze”al più tardi entro il 10 luglio”. L’indicazione preventiva dei costi, precisa Cottarelli, rappresenterà il futuro riferimento per i controlli per valutare la congruità degli acquisti da parte della Pubblica Amministrazione rispetto ai prezzi benchmark”.