Alitalia, Del Torchio: “Gli esuberi sono una condizione necessaria”

Gabriele Del Torchio (ALBERTO PIZZOLI/AFP/Getty Images)
Gabriele Del Torchio (ALBERTO PIZZOLI/AFP/Getty Images)

Gli esuberi derivanti dall’accordo Alitalia-Etihad come “condizione necessaria per avere una dimensione efficiente e competitiva”: è questo quanto ha sottolineato l’ad della compagnia aerea italiana, Gabriele Del Torchio, commentando gli incontri con le parti sociali coinvolte nella vicenda; il dirigente ha spiegato che su questo nodo “stiamo lavorando e dialogando con i sindacati”.

Ha sottolineato Del Torchio: “Abbiamo precisato la nostra posizione e preso atto della posizione del sindacato. Abbiamo deciso di rivederci lunedì. Il clima è preoccupato per quello che deve avvenire, ma ci si rende conto che creare l’alleanza con Etihad è l’unica opportunità. Tutti abbiamo interesse a trovare una soluzione. La trattativa è a tutto tondo: da una parte i numeri degli esuberi e dall’altra le modalità di gestione”.

Di “clima teso” ha parlato invece il segretario generale della Fit-Cisl, Giovanni Luciano: “La situazione è complicata, i numeri sono quelli che sono stati resi noti negli ultimi giorni. Ci rivedremo lunedì per una no-stop, siamo nella fase di capire da dove nascono questi esuberi. Pretendiamo una trattativa seria – ha aggiunto Luciano – con l’obiettivo di tutelare tutti. Sarà una trattativa complicata, ma con l’appoggio che il governo ci ha garantito possiamo uscirne al meglio. Non ci sono stati posti degli aut aut e in ogni caso non ne accetteremo”. Sulla stessa lunghezza d’onda Franco Nasso della Filt-Cgi: “Noi siamo perché ci sia continuità”. Infine il segretario generale della Uilt, Claudio Tarlazzi. “La situazione è molto difficile e complessa e richiede tempi adeguati per trovare la soluzione migliore per tutti”.

Redazione online