Expo, “cinque uomini” nel team anticorruzione di Cantone

Raffaele Cantone (foto pubblico dominio)
Raffaele Cantone (foto pubblico dominio)

“Pensiamo di costituire una squadra composta da cinque persone coordinata da Raffaele Cantone”, così il commissario unico di Expo, Giuseppe Sala, a margine dell’assemblea di Confindustria Monza, a proposito del team anticorruzione chiamato a tutelare l’importante manifestazione in programma per il prossimo anno a Milano, coordinato dal noto magistrato anticamorra napoletano.

Ha spiegato ancora Sala: “Cantone avrà pieni poteri di verifica dello stato delle cose e sulle gare fatte e su quelle da fare poi ha la possibilità di indicare quali aziende possono essere su quella specifica commessa commissariate. Cominceremo da quelle chiacchierate, in particolare una”. Domani è poi previsto il vertice tra Sala e il prefetto Francesco Paolo Tronca, la cui attività “è importantissima anche per indicare i nomi di quelli che possono fare questa attività di vigilanza”.

Il commissario unico di Expo ha evidenziato la priorità è quella di “mettere in garanzia e tutela, attraverso una forma di commissariamento delle commesse”, gli appalti, in particolare quello della Maltauro, a cui Sala ha fatto diversi riferimenti indiretti nel corso del suo intervento.