Motta Visconti, la famiglia della vittima: “Rispetto per il nostro silenzio” (Fotogallery esclusiva)

La casa del triplice delitto a Motta Visconti (foto esclusiva Direttanews)
La casa del duplice delitto (foto esclusiva Direttanews)

La famiglia di Cristina Omes, la donna trovata uccisa con i suoi due figli nella villa di famiglia, a Motta Visconti, ha diffuso pochi istanti fa un comunicato nel quale chiede “di essere rispettosi del loro silenzio e del profondo dolore che stanno vivendo”. La nota è stata letta in questi minuti da un cugino della vittima. Si spiega: “La mamma e i parenti di Cristina e dei piccoli Giulia e Gabriele chiedono il rispetto per quanto accaduto alla nostra famiglia”.

Nella breve nota, si ringraziano “la magistratura, i carabinieri e la polizia locale”, oltre “al comandante della polizia stradale di Pavia per aver collaborato allo svolgimento dell’indagine”. A compiere l’efferato omicidio, sabato sera, era stato il marito e padre delle vittime, Carlo Lissi, che per depistare poi le indagini era andato a vedere la partita. “Voglio il massimo della pena”, ha riferito più volte l’assassino ai pm che lo interrogavano

Redazione online

GUARDA LA FOTOGALLERY ESCLUSIVA (foto di MICHELE D’AGOSTINO)