Francia: settimo giorno di sciopero dei treni e manifestazione a Parigi contro riforma del governo

Sciopero treni Francia (screen shot new.fr)
Sciopero treni Francia (screen shot new.fr)

Ferrovieri sul piede di guerra in Francia dove oggi è in discussione all’Assemblea nazionale una riforma con la quale si vuole riunire in una sola società l’operatore dei treni Sncf e il gestore della rete Rff, cancellando la scorporo deciso negli anni Novanta.

Da sette giorni infatti si sta svolgendo uno sciopero dei macchinisti, creando non pochi disagi in quanto ieri sono iniziati gli esami di maturità in Francia.
Ma lo sciopero proclamato dal principale sindacato in Francia, la Cgt, proseguirà anche domani per 24 ore.

Intanto questa mattina centinaia di macchinisti, circa 3.500 per i sindacati, sfilato nei pressi del Parlamento a Parigi.
Durante la protesta un centinaio di manifestanti hanno anche bloccato alcuni binari della stazione Montparnasse, nel sud della capitale francese, e il traffico è stato parzialmente sospeso nella tarda mattinata.

Ma la protesta si è estesa un po’ in tutto il paese e si sono svolte anche altre manifestazioni a Lille, Tolosa, Nantes, Strasbourg e Metz.

La Sncf, la società che gestisce i treni in Francia, ha però fatto sapere che la partecipazione allo sciopero è in calo precisando che solo il 14% dei macchinisti vi aderisce e prevede un “miglioramento” del traffico a partire da domani.

Redazione