Indagine sui Paesi “migliori” al mondo: Irlanda prima, Italia 20esima davanti a Usa

La bandiera irlandese
La bandiera irlandese

Secondo la prima indagine sul “Good Country Index“, creata dall’esperto Simon Anholt raccogliendo i dati di Onu, Banca Mondiale e altre importanti organizzazioni internazionali, l’Irlanda sarebbe il “miglior” Paese al mondo, quanto a contributi offerti all’umanità e al pianeta.

In questa speciale classifica, l’Italia si pone al 20esimo posto subito prima degli Stati Uniti, su un totale di 125 Stati: i parametri considerati vanno dalla tecnologia, alla cultura, alla vivibilità.

L’Irlanda spicca in particolare per le condizioni di prosperità ed uguaglianza della propria popolazione, seguita da Finlandia, Svizzera, Olanda, Nuova Zelanda, Svezia, Gran Bretagna, Norvegia, Danimarca e Belgio.

Nelle categorie specifiche, il nostro Paese si attesta al 19esimo posto per salute e benessere, al 22esimo per cultura e al 38esimo per scienza e tecnologia. Note negative arrivano però dal contributo italiano alla pace e alla sicurezza internazionale, sezione nella quale perdiamo ben 80 posizioni piazzandoci al 102esimo posto.

Nelle ultime posizioni ci sono invece Iraq, Vietnam e Libia, le cui popolazioni sono sfinite da conflitti e povertà.

Redazione