Ciclismo, Nibali raddoppia: ”Penso che attaccherò ancora”

Vincenzo Nibali (getty images)
Vincenzo Nibali (getty images)

 

Vincenzo Nibali non vuole giocare in difesa e per il proseguo del Tour de France non intende solo aspettare le mosse degli altri, ma vuole pure attaccare, per incrementare magari il suo vantaggio sui diretti concorrenti. Queste le sue parole al termine della tappa di ieri: ”Qui se usi l’aggettivo tranquillo lo fai per modo di dire. Niente è veramente tranquillo – riporta La Gazzetta dello Sport -. Sono contento di come ha corso la squadra, io mi sono già trovato nella situazione di gestire il primato a Giro e Vuelta ma forse al Tour l’asticella è ancora più alta, perché gli interessi delle squadre sono molti e bisogna tenere conto di tante cose. Bisogna correre nel miglior modo possibile e vedere che cosa fanno gli altri. Due minuti e mezzo su Contador non sono poca roba, ma Alberto è un attaccante nato. Altri come Valverde, Rui Costa, Talansky sono pericolosi. Ma se ci fosse l’occasione di attaccare per incrementare il vantaggio, lo farei”.

Marco Orrù