HIV. L’Oms consiglia ai gay i farmaci antiretrovirali come profilassi preventiva

Farmaci antiretrovirali (ADEK BERRY/AFP/Getty Images)
Farmaci antiretrovirali (ADEK BERRY/AFP/Getty Images)

E’ destinata a fare discutere la presa di posizione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, la quale ha per la prima volta dato ragguagli in merito alla somministrazione di farmaci antiretrovirali – quelli necessari per contrastare lo sviluppo del virus dell’HIV e ormai noti anche per le loro proprietà preventive – ai gay. Secondo quanto dichiarato dal direttore dell’ufficio che si occupa di HIV all’Oms, Gottfried Hirnschall, sarebbe consigliabile che gli omosessuali, considerati categoria a rischio, adottassero una profilassi con antiretrovirali per diminuire il rischio di contagio.

“Constatiamo una esplosione dell’epidemia in questo gruppo a rischio soprattutto per un abbassamento della guardia dal punto di vista della prevenzione”, ha detto Hirnschall sostenendo che le possibilità di essere infettati per i cittadini gay sarebbero superiori del 19% rispetto alla media.

“Se gli omosessuali seguissero questa profilassi si potrebbero evitare un milione di nuovi contagi in dieci anni”, ha proseguito il portavoce dell’Organizzazione.

Redazione online