Invictus Games, anche l’Italia parteciperà ai giochi paralimpici militari voluti dal principe Harry

Principe Harry (Getty images)
Principe Harry (Getty images)

Ci sarà anche una delegazione di militari italiani agli Invictus Games, i giochi paralimpici organizzati dalla Royal Foundation Principe Harry e dal Ministero della Difesa britannico riservati ai soldati con disabilità di 14 Paesi, che si terranno dal 10 al 14 settembre a Londra. Questi gli Stati che parteciperanno alla manifestazione, fortemente voluta dal principe Harry: Afghanistan, Australia, Canada, Danimarca, Estonia, Francia, Georgia, Germania, Iraq, Italia, Nuova Zelanda, Paesi Bassi, Usa, Uk.

La partecipazione italiana agli Invictus Games è stata presentata oggi a Villa Wolkonsky, alla presenza dell’ambasciatore britannico a Roma, Christopher Prentice, e dell’onorevole Laura Coccia, essa stessa un’ex atleta paralimpica, con buoni risultati a livello nazionale. Ha spiegato la deputata del Pd, nel corso della conferenza stampa: “Io ho iniziato a correre e mi dicevano sarebbe stato impossibile. Sono caduta ed è stato difficile rialzarmi ma ho deciso di rimettermi in gioco. Nulla è scritto. Siamo noi gli artefici del nostro destino. In bocca al lupo a tutti gli atleti che parteciperanno ai giochi”.

Intanto oggi, militari ed ex militari italiani con disabilità stanno partecipando a un raduno, promosso presso le strutture della Fondazione Santa Lucia di Via Ardetina 306, a Roma. Gli atleti che stanno prendendo parte da stamattina alla manifestazione sono 17, impegnati in sei discipline: rowing, basket in carrozzina, arco e nuoto. sollevamento pesi, arco e rugby. Era stato lo stesso principe Harry, nelle scorse settimane, a invitare i militari italiani alla partecipazione agli “Invictus Games”, nel corso della sua visita a Cassino.

 

Giuseppe Gabriele Mastroleo