La Camera approva il dl di riforma della Pubblica Amministrazione

Matteo Renzi  e Marianna Madia alla Camera (Franco Origlia/Getty Images)
Matteo Renzi e Marianna Madia alla Camera (Franco Origlia/Getty Images)

Dopo il sì al voto di fiducia, la Camera dei Deputati ha approvato il decreto legge di riforma della Pubblica Amministrazione. I voti a favore sono stati 286, i contrari 132. Hanno votato sì anche i dieci deputati usciti da Sinistra ecologia e libertà che hanno formato il gruppo Led.

Il testo del decreto è stato modificato in più punti dalla Camera e ora passerà al Senato, dove dovrà essere approvato entro il 23 agosto, pena la decadenza.

Il dl su Semplificazioni e Pubblica Amministrazione è stato fortemente voluto dal Ministro per la Pubblica Amministrazione Marianna Madia. Il provvedimento contiene norme sull’organizzazione della pubblica amministrazione, interventi urgenti in materia di semplificazione e diverse misure, anche e soprattutto sulla trasparenza, in materia di lavori pubblici. Sono introdotte anche nuove norme sulla giustizia, per lo snellimento del processo amministrativo e l’avvio del processo civile telematico.

Redazione