Usa: dà fuoco al marito che molesta la figlia: “Sparargli? troppo gentile”

Un'auto della polizia  (STEFAN HLABSE/AFP/Getty Images)
Un’auto della polizia (STEFAN HLABSE/AFP/Getty Images)

Renton, stato di Washington. Ha dato fuoco al marito mentre dormiva per aver molestato la figlia di sette anni. Tatanysha Hedman, 40 anni, e la sua bambina vivevano con il nuovo compagno della madre, Vincent Phillips, di 52 anni.

Tatanysha non ha trattenuto la rabbia quando ha scoperto che il suo nuovo compagno molestava sessualmente la sua bimba e ha deciso di cospargerlo di benzina mentre dormiva. Dopo ha accesso un cerino e gli ha dato fuoco. L’uomo è uscito di casa correndo e gridando: “Sono in fiamme, aiutatemi”.

Un commesso di un negozio, dove l’uomo di era rifugiato, lo ha aiutato a spegnere il fuoco. Le ultime parole prima di cadere in ginocchio e perdere i sensi: “È stata mia moglie”. Il ragazzo ha immediatamente chiamato i soccorsi. Phillips è stato trasportato d’urgenza al Harborview Medical Center per le gravi ustioni su tutto il corpo.

La donna, ha raccontato di aver scoperto le molestie e di aver voluto dare una lezione all’uomo: “Sparargli sarebbe stato un gesto carino” ha dichiarato la madre della bimba agli investigatori. Phillips è ancora ricoverato in terapia intensiva. Su di lui pende l’accusa di molestie sessuali su un minore. La moglie resta nel carcere di King County nel centro di Seattle per aggressione e incendio doloso. La sua cauzione è stata fissata a 500mila dollari.

Redazione online