Lavoro. Poletti ipotizza salario minimo entro il 2015

Il Ministro del Lavoro Giuliano Poletti (ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images)
Il Ministro del Lavoro Giuliano Poletti (ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images)

Il salario minimo è alle porte, secondo quanto dichiarato dal ministro del Lavoro, Giuliano Poletti. Nel corso di un’intervista rilasciata per la testata Affaritaliani.it, il ministro del governo Renzi ha fatto sapere che i provvedimenti previsti all’interno della legge delega, salario minimo compreso, potranno essere approvati entro il 2015.

“Sul piano dei tempi noi pensiamo che la legge delega sia approvata certamente entro la fine dell’anno, forse anche novembre. E a quel punto abbiamo massimo sei mesi di tempo per l’approvazione dei decreti delegati. Quindi a quel punto è ragionevolmente immaginabile che prima della metà del 2015 tutto ciò che è previsto nella legge delega possa essere fatto”, ha affermato Poletti parlando delle tempistiche prefissate.

In merito al tema specifico del salario minimo queste le dichiarazioni di Poletti: “L’abbiamo previsto come possibilità nella legge delega. Naturalmente nella stessa legge delega abbiamo messo delle procedure e delle modalità necessarie perché è un tema molto delicato che deve essere inserito nel quadro della contrattazione del nostro Paese, che è una contrattazione molto diffusa e dove le parti sociali hanno una responsabilità importante. Quindi è una possibilità che è prevista ma è prevista secondo delle procedure definite che coinvolgono le parti sociali”.

 

Redazione online