Caso marò. Pinotti: “Aperta interlocuzione con l’India”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:43
Il ministro Roberta Pinotti (Franco Origlia/Getty Images)
Il ministro Roberta Pinotti (Franco Origlia/Getty Images)

La ministra della Difesa italiana, Roberta Pinotti, è oggi a Nuova Delhi, in India, per il caso dei due marò accusati di aver ucciso due pescatori indiani. Pinotti, nel corso della sua visita, ha destinato il primo incontro proprio a Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, i due fucilieri che al momento si trovano in libertà vigilata in attesa di venire giudicati dalla Corte Suprema indiana che ha in mano il caso.

Successivamente all’incontro, Pinotti ha riferito alla stampa i contenuti della discussione avuta con i militari: “Ho avuto piacere di poter parlare con loro e li ho trovati, certo, preoccupati, ma con un senso di dignità e onore che rispecchia la loro scelta di essere militari. Sono con le loro famiglie che li circondano d’affetto, ma è un fatto che sono qui e non in Italia”.

In quello che alcune fonti diplomatiche italiane hanno definito parlando con giornalisti dell’Ansa incontro di carattere prevalentemente privato tra la ministra e i marò Pinotti avrebbe quindi portato ai due il saluto del governo e li avrebbe rassicurati in merito al sostegno dello stesso.

Nella conversazione con i giornalisti, invece, la ministra si è lasciata andare a dichiarazioni specifiche sul tema giudiziario. “L’Italia ha attivato una interlocuzione con l’India che permetta di aprire un canale di comunicazione importante”, ha fatto sapere. L’idea, secondo Pinotti, è quella di aprire ad un dialogo che costituisce “una delle questioni richieste dalla prassi giuridica rispetto al primo approccio dell’internazionalizzazione della vicenda”.

 

Redazione online