Livorno. Cadavere di un prete ritrovato tra le acque della Darsena Vecchia

Particolare di un'auto dei carabinieri (Getty Images)
Particolare di un’auto dei carabinieri (Getty Images)

Il corpo di un sacerdote vestito con la consueta tunica è stato ritrovato nella mattina di oggi presso la Darsena Vecchia di Livorno mentre galleggiava tra le acque del posto. In un primo momento gli inquirenti che sono stati contattati a seguito del rinvenimento non sono riusciti ad identificare il parroco, ma, proseguendo con le ricerche, si è reso possibile risalire all’identità del deceduto per merito di un codice iban che il prete aveva in tasca e che conduceva ad una persone che è stata in grado di fornire le generalità dell’uomo.

Il sacerdote deceduto è stato identificato come quarantaduenni di origini genovesi. A Genova, dove prestava servizio parrocchiale, la sua scomparsa era stata denunciata lo scorso 3 agosto.

Le dinamiche che hanno portato alla morte dell’uomo sono ancora tutte da verificare. Ciò che rende le ipotesi poco concrete, per il momento, è l’assenza di segni che indicano un’eventuale violenza sul corpo del deceduto. Lo stesso portafogli ritrovato ancora pieno di banconote fa sfumare l’idea di una rapina sfociata in omicidio, mentre si fa strada l’idea che il parroco sia caduto accidentalmente nelle acque della Darsena Vecchia o che sia stato trasportato dalle correnti in quel luogo.

 

Redazione online