Gaza: tregua prolungata di 24 ore. Palestinesi ottimisti su accordo

Bambini palestinesi nella Striscia di Gaza (ROBERTO SCHMIDT/AFP/Getty Images)
Bambini palestinesi nella Striscia di Gaza (ROBERTO SCHMIDT/AFP/Getty Images)

L’annuncio, via Twitter, è stato dato nella tarda serata di ieri, mentre mancava poco alla scadenza della tregua di cinque giorni, dal portavoce di Hamas, Izzat Risheq: “La tregua è stata prolungata di altre 24 ore, su richiesta dell’Egitto, per proseguire i negoziati”. Nel giro di pochi minuti, la notizia è stata poi confermata sia dal Paese che sta svolgendo il ruolo di mediazione che da fonti del governo brasiliano.

Un’altra buona notizia, dunque, che si aggiunge alla decisione della delegazione dello Stato ebraico di restare in Egitto, prolungando la propria permanenza al Cairo; intanto, fonti palestinesi hanno spiegato di aver accettato il piano che prevede “un cessate il fuoco permanente”, proposto dal governo egiziano, e che tale piano dovrebbe ora essere vagliato dal gabinetto di Sicurezza israeliano. Alcuni canali televisivi parlano di un possibile assenso da parte del governo di Tel Aviv, anche se si ha comunque la sensazione di una situazione molto fragile e lo stesso Risheq ha spiegato che il prolungamento della tregua “è arrivato dopo una richiesta dei mediatori egiziani per dare un’ultima chance ai colloqui”.

Rispetto a un possibile accordo, ottimista sembra essere anche l’ex ministro dei Prigionieri dell’Autorità Palestinese, Ashraf al-Ajrami: “A breve la parte israeliana – ha detto al-Ajrami – sarà soddisfatta se Hamas avrà un numero limitato di armi e questo porterà ad un risultato definitivo nei negoziati del Cairo”. Entusiasmo comunque frenato, come indica l’agenzia Nena News, da fonti interne israeliane, che spiegano come Tel Aviv sia comunque insoddisfatta e continuerà “a insistere sulla questione della sicurezza”.

Si continua intanto a tracciare un bilancio del conflitto: secondo fonti del ministero della Salute palestinese, riprese dall’agenzia al-Ray, sono 2016 le vittime del conflitto nella striscia di Gaza, con oltre 10mila feriti. I bombardamenti hanno ucciso 541 bambini, 250 donne e 95 anziani, mentre da parte israeliana le perdite sono state di 64 soldati uccisi in combattimenti e tre civili morti sotto i razzi lanciati da Hamas.

Redazione online