Kenya, jihadisti decapitano un autista cristiano

KENYA-ATTACK-MALL

In Kenya miliziani della jihad islamica Al-Shabaab hanno decapitato un autista dopo aver rapito un gruppo di commercianti nei pressi della località turistica di Lamu. Mercoledì un gruppo armato di fondamentalisti islamici aveva rapito l’autista e tre commercianti kenioti musulmani, che in seguito sono stati rilasciati. L’autista è stato decapitato perché di fede cristiana. Il corpo è stato ritrovato ieri nella foresta di Boni.
La polizia locale ha spiegato che i rapitori si sono presentati come miliziani del gruppo per la jihad islamica Al-Shabaab
Al-Shabaab è un gruppo islamista somalo che si è fuso con Al Qaeda nel 2012 e ha lanciato una serie di attacchi sul suolo keniano come ritorsione per il sostegno offerto dal Kenya al governo della Somalia contro gli insorti islamici. In questo scenario gli jihadisti sono intervenuti a fianco di Al-Shabaab contro il governo somalo e i suoi alleati etiopi. Sono stati loro ad introdurre in Somalia la tecnica degli attentati suicidi. Secondo un rapporto dell’ONU del 2006 Iran, Libia ed Egitto sarebbero i principali sostenitori di questo gruppo.

Redazione