Nuoto, Europei Berlino 2014: Pellegrini delude nei 400 sl, Cagnotto e Turrini vanno a medaglie

Federica Pellegrini (getty images)
Federica Pellegrini (getty images)

Nell’ultima giornata degli Europei di nuoto di Berlino la sfida più attesa per il nostro Paese è quella di Federica Pellegrini, chiamata al piazzamento nella finale dei 400m stile libero, nella quale è entrata con il miglior tempo in batteria. A regalare una delle ultime medaglie disponibili all’Italia è stato invece Federico Turrini, che ha ottenuto il bronzo nella finale dei 400 misti maschili (4’14″15), dietro all’ungherese David Verraszto (oro con 4’11″89) e all’inglese di chiare origini italiane Roberto Pavoni (4’13″75). Si tratta della prima medaglia internazionale per il nuotatore italiano 27 enne, apparso molto sorridente e soddisfatto dopo la gara e durante la premiazione.

Federica Pellegrini, dopo l’oro nei 200 stile libero, è andata di poco fuori dal podio con 4’04″42, preceduta di poco dalla spagnola Mireia Belmonte Garcia (4’04″01), dall’olandese Sharon Rouwendal (4’03″76) e dall’inglese Jazmin Carlin (4’03″24).
Ottavo posto per l’altra italiana in gara, Diletta Carli, che ha chiuso con il tempo di 4’12″56.

Dopo il quinto posto ottenuto dalla squadra italiana nella staffetta femminile mista 4×100, stabilendo un nuovo record nazionale, alle 18 è toccato a Tania Cagnotto provare a regalare l’ultima medaglia all’Italia, impresa che le è riuscita solo in parte: partita dalla prima posizione in graduatoria nella finale, la figlia d’arte si è riportata subito in testa dopo il primo tuffo e si è mantenuta in prima posizione fino all’ultimo, che le è stato fatale. La tuffatrice bolzanina è giunta alla fine seconda dietro alla russa Nadezhda Bazhina e davanti alla tedesca Nora Subschinski.

Redazione