Informatica a scuola: per molti studenti è ancora un miraggio

Studenti in classe
Studenti in classe

Un sondaggio condotto da Skuola.net tra oltre 1600 studenti italiani tra gli 11 e 19 anni restituisce l’immagine di un’istruzione italiana per nulla al passo con la tecnologia. Solo il 12% degli intervistati ha riferito di frequentare quotidianamente le aule di informatica, il 20% una volta a settimana, stessa percentuale di quelli che ci entrano solamente una volta al mese. Ben il 10% dichiara di non essere dotato di aula pc e il 39% di non averci mai messo piede; sommandoli, si giunge ad un preoccupante 49% che non è mai entrato in questo ambiente.

In base ai dati ufficiali del Miur, il 78% delle scuole è dotato di un’aula multimediale attrezzata per la didattica e connessa alla rete. Percentuale che sale oltre l’80% in Friuli, Emilia Romagna, Umbria, Marche e Basilicata, e che invece scende sotto la media in Piemonte, Lombardia, Lazio, Veneto, Sardegna e Campania. Il peggio lo fa la Calabria, dove solo il 69,7% delle scuole ha un’aula pc.

Tra gli studenti prevale ancora di gran lunga la forma cartacea per i testi: solo il 6,7% ha dichiarato di possedere un pc o un tablet a testa, messogli a disposizione dalla scuola, mentre il 78% non usa niente di tutto ciò durante le lezioni. Il 4% degli intervistati ha provveduto da sè, in famiglia, all’acquisto del materiale tecnologico, mentre l’11,6% utilizza in classe un dispositivo personale, portato da casa.

Sempre secondo i dati del Ministero della Pubblica Istruzione, il rapporto medio tra numero di alunni e pc è stato, per il 2013-2014, pari a 7,8, in discesa rispetto al 2012 quando invece era 8,7. La dotazione è migliore nelle scuole secondarie di secondo grado, dove questo rapporto scende al di sotto del 6, mentre nelle elementari raggiunge addirittura i 10 alunni per pc.

Gli studenti hanno la percezione di questo ritardo tecnologico soprattutto nella navigazione su Internet in Wi-fi messa a disposizione dalla scuola: 2 su 3 dichiarano di non averla proprio o di non utilizzarla per la didattica, mentre solo 1 su 6 si dice soddisfatto della connessione. In questo senso, i dati del Ministero confermano la disparità tra i vari livelli di istituti: solo il 10% delle scuole elementari e medie possiede internet ad alta velocità, mentre alle superiori la media sale a oltre il 25%.

Redazione