Giappone: Pil secondo trimestre -1,8%

Industria giapponese (TORU YAMANAKA/AFP/Getty Images)
Industria giapponese (TORU YAMANAKA/AFP/Getty Images)

Il secondo trimestre del 2014 è stato un periodo nero per il prodotto interno lordo di molti Paesi, l’Italia è tornata in recessione e anche la Germania ha perso lo 0,2%. Il Giappone, tuttavia, ha avuto uno dei risultati peggiori, con il proprio Pil che nei mesi di aprile-maggio-giugno ha perso l’1,8% su base congiunturale e ben il 7,1% su base annua. Cali superiori alle attese, che erano rispettivamente dell’1,7% e del 6,8%.

La contrazione su base annua è perfino più forte di quella che si ebbe nel secondo trimestre 2011, dopo il terremoto e il terribile tsunami del marzo di quell’anno, quando il Pil su base annua scese del 6,9%.

Sui dati così negativi, si presume che potrebbe aver pesato l’aumento dell’Iva dal 5% all’8% deciso dal governo di Shinzo Abe.

Redazione