Panificio sotto sequestro, forno alimentato con porte verniciate

Panificio (PHILIPPE HUGUEN/AFP/Getty Images)
Panificio (PHILIPPE HUGUEN/AFP/Getty Images)

Un panificio di circa 100 mq è stato posto sotto sequestro dalla Guardia di Finanza del comando provinciale di Napoli, ad Arzano, grosso centro dell’hinterland partenopeo, a causa dell’assenza di quelli che comunemente vengono definiti minimi requisiti igienico-sanitari. Ad insospettire i militari, la segnalazione di un’area adiacente al locale commerciale in cui sono state rinvenute porte di interni (cd. “bussole”) verniciati con sostanze chimiche o con pallets.

Dalle indagini, è stato rilevato che quel materiale in legno veniva utilizzato per alimentare il fuoco, così il titolare dell’impresa, un italiano di 49 anni, è stato denunciato per “commercio di sostanze alimentari nocive” dalle fiamme gialle della compagnia di Afragola. Il pane prodotto nel forno veniva rivenduto in molti locali commerciali della zona.

Redazione online