Google: smartphone low-cost per i Paesi in via di sviluppo

Smartphone (Getty Images)
Smartphone (Getty Images)

Dopo Microsoft-Nokia, Google è pronta ad una sua linea di smartphone low-cost, grazie alla quale incrementare le quote di mercato nei Paesi in via di sviluppo. A questo proposito, in India la compagnia di Moutain View ha dotato i propri dispositivi del sistema operativo Android One, pensato apposta per funzionare su questo tipo di modelli. Micromax, Karbonn e Spice, aziende locali, hanno collaborato al lancio dei nuovi modelli, dotati di schermi da 4,5 pollici e prezzi a partire dai 105 dollari. Solo in India, inoltre, è stata lanciata una versione ad hoc di Youtube che permette di scaricare i video sul proprio telefono per poi guardarli offline, senza gravare troppo sulla bolletta.

Questo segmento di mercato rappresenta un bacino potenziale molto florido per i colossi della tecnologia: solo in India, nel 2013 le vendite di smartphone sono triplicate passando a 44 milioni di unità, mentre fino al primo semestre 2014 sono già stati raggiunti i 36 milioni.

Una nota di Google spiega l’intento dell’azienda: “Le persone vanno online e accedono alle informazioni sempre più spesso via smartphone. Se 1,75 miliardi di persone hanno già uno smartphone, non è così per la maggioranza della popolazione mondiale, oltre 5 miliardi. Ciò significa che la maggior parte delle persone possono solo fare chiamate vocali ma non contattare la famiglia attraverso una video chat, usare le mappe per trovare l’ospedale più vicino o semplicemente fare una ricerca sul web. Vogliamo portare queste esperienze a più persone”.

I modelli lanciati da Google sono tutti “dual sim”, hanno una fotocamera posteriore da 5 megapixel e frontale da 2, ed un processore quad-core Mediatek da 1,3 GHz e 1Gb di Ram. A breve l’offerta si arricchirà ulteriormente in termini di caratteristiche hardware e software ed aspetto estetico, grazie all’adesione al progetto di società come Acer, Alcatel, Asus, Htc, Lenovo, Panasonic e Qualcomm. Google ha inoltre anticipato che Android One sbarcherà entro il 2014 anche in Indonesia, Filippine, Bangladesh, Nepal, Pakistan e Sri Lanka, mentre altre nazioni si aggiungeranno dal 2015.

Redazione