Apple troppo “invadente”: gli utenti contro il download forzato del nuovo cd U2

U2 sul palco di Apple con Tim Cook (Justin Sullivan/Getty Images)
U2 sul palco di Apple con Tim Cook (Justin Sullivan/Getty Images)

Ha scatenato più proteste di quanto si potesse prevedere il regalo “obbligato” di Apple ai suoi utenti, il download gratuito del nuovo cd degli U2 “Songs of Innocence”. Molti si sono infatti lamentati, con toni più o meno accesi, che la comparsa dell’album nella propria libreria di Itunes, che avviene automaticamente dopo lo scaricamento, sarebbe un’invasione dello spazio privato. In particolare, risulta essere difficile rimuovere del tutto il disco, che rimane salvato negli acquisti o nel cloud fino al 13 ottobre, giorno in cui terminerà la promozione gratuita.

Il manager della band, Guy Oseary, ha detto la sua, prendendo a posizione difensiva fin da subito: “Se a qualcuno non piace, dovrebbe cancellarlo. Ci saranno persone entusiaste e altre a cui non importerà nulla. Lo sapevamo”.

Apple da ieri ha posto rimedio alla sua “invadenza” creando una pagina di supporto appositamente per facilitare la cancellazione totale dell’album: al momento è disponibile solo in inglese ed è sufficiente inserire i dati del proprio account di iTunes per vedersi cancellare il file indesiderato dalla libreria, dal Cloud e dagli acquisti.

Redazione