Cile, guai finanziari per Ivan Zamorano

Ivan Zamorano (Ben Radford /Getty Images)
Ivan Zamorano (Ben Radford /Getty Images)

Guai finanziari seri per l’ex stella del calcio cileno, Ivan Zamorano, negli anni Novanta senza dubbio il calciatore più rappresentativo del suo Paese, per aver militato, realizzando oltre cento gol, in Real Madrid e Inter. Banco de Credito e Inversiones (BCI) ha infatti intentato causa contro l’ex 1+8 nerazzurro, accusandolo di un debito pari a circa 1.700 milioni di pesos, corrispondenti a quasi tre milioni di dollari.

Lo scrive l’edizione online del quotidiano El Mercurio, sostenendo che sono tre le società sotto accusa riferibili all’ex calciatore: la Inca Sociedad de Inversiones Limitada, Sociedad de Inversiones Santa Alicia Limitada e Ciudad Deportiva Iván Zamorano. Quest’ultimo, in particolare, è un grosso centro sportivo messo in piedi dall’ex attaccante cileno nel quartiere di Las Condes di Santiago sin dal 2002. Coinvolto nell’indagine anche Wilson Enrique Flores, fratello di Zamorano.

L’ex calciatore, già nel 2011, era stato al centro di una complessa vicenda finanziaria: il proprietario di un centro sanitario che opera all’interno della Ciudad Deportiva Iván Zamorano lo aveva infatti citato in giudizio per 650 milioni di pesos. Zamorano, per questa vicenda, era stato condannato a pagare 180 milioni di pesos.

Redazione online