Isis: anche un videogioco in stile Gta per “addestrare i bambini”

Iraq Isis (Getty Images)
Iraq Isis (Getty Images)

Secondo quanto scrive al Arabiya, il meccanismo di propaganda dello Stato islamico promosso dai miliziani dell’Isis starebbe toccando in modo preoccupante anche il mondo dei videogames, forma di intrattenimento solitamente “occidentale”: secondo il quotidiano arabo, infatti, l’Isis avrebbe pubblicato un trailer di oltre 3 minuti di un gioco dal titolo “Grand Theft Auto: Salil al-Sawarem”. Si tratterebbe, in pratica, di una versione “jihadista” del celeberrimo Grand Theft Auto, nella quale i protagonisti sono impegnati in attacchi a convogli ed attentati (pratiche in realtà di poco dissimili da quelle previste nel gioco originale,ndr).

Secondo l’Isis stesso, il videogame “serve ad addestrare i bambini”. Il responsabile del settore Medio Oriente di Ign, una delle maggiori piattaforme per videogames che ha sede in Usa, Mufaddal Fakhruddin, ha spiegato: “E’ ironico che utilizzino giochi occidentali. Chiaramente è rivolto a una audience di giovani” che potrebbero “essere attratti da una violenza facile e senza conseguenze. Quello che temo, oltre alle terribili conseguenze che questo videogame potrebbe causare, è un’offensiva mediatica per dire ancora una volta che i videogiochi fanno male ai bambini”.

Redazione