Tabagismo tra le cause della disfunzione erettile (Pierre Roussel/Newsmakers)

Tabagismo tra le cause della disfunzione erettile (Pierre Roussel/Newsmakers)

Disfunzione erettile, questa sconosciuta. La patologia, molto diffusa tra gli uomini sopra i 40% e un tempo denominata semplicemente “impotenza”, spesso sottovalutata, è al centro dell’87esimo Congresso nazionale della Siu, la Società italiana di urologia, in corso a Firenze. In apertura del congresso, infatti, è stata presentata l’indagine condotta dal nuovo Osservatorio Pianeta Uomo sull’incidenza nella qualità della vita di disfunzione erettile e ipertrofia prostatica benigna.

Secondo la ricerca, condotta su 1000 over 40, un italiano su tre si informa di questi temi attraverso i mass media principali, televisione, carta stampata e Internet. Appena il 12% si rivolge a un medico o al limite chiede un consiglio al farmacista e un italiano su dieci non sa nemmeno della possibilità di “ovviare al problema” con terapie semplici ed efficaci.

Vincenzo Mirone, segretario generale della Siu, nel suo intervento introduttivo, ha chiarito come sia “indispensabile che questi argomenti vengano discussi in modo da fugare paure e dubbi, così da restituire la serenità all’uomo. È importante perciò che lo specialista diventi il ‘tutor’ del paziente, infatti se vengono seguiti e sostenuti dal medico, i pazienti sono soddisfatti delle cure e non le abbandonano”.

redazione online

Pubblicità progresso su disfunzione erettile