Liverpool, Balotelli ancora nei guai per frasi razziste e antisemite

Mario Balotelli (getty images)
Mario Balotelli (getty images)

Mario Balotelli continua a far parlare di sè non certo per le imprese sul campo con la maglia del Liverpool, ma per cio’ che combina fuori dal campo. Nel mirino nuovamente una sua uscita poco infelice sui social network. Nella serata di ieri l’ex Milan e Inter ha postato una foto su Instagram, poi prontamente rimossa, con scritta, tra le altre, questa frase: ”Salta come un uomo nero e ottieni monetine come se fossi un ebreo”. Una frase poco felice che non è piaciuta a nessuno, tant’è che in risposta sono arrivati parecchi insulti. A quel punto ‘Balo’ si è provato a scusare su Twitter con questo doppio tweet: ”Mia madre è ebrea, quindi state zitti. So solo che quelli che stanno cercando di ‘uccidermi’ per il mio momento sfortunato continueranno nel loro intento anche quando tornerò a fare gol”.

La FA, la Federazione calcistica inglese, tuttavia, sarebbe pronta ad aprire un’inchiesta su queste frasi di Balotelli, il quale ora rischia 5 giornate di squalifica per ”atteggiamento provocatorio nel social”. Il Liverpool non sarà felice per questo ennesimo problema…

In mattinata poi sono arrivate nuove precisazioni da parte di Balotelli, stavolta su Facebook: ”Il post è stato pensato per essere anti-razzista con umorismo. Ora capisco che fuori dal contesto può avere l’effetto opposto. Non tutti i messicani hanno i baffi, non tutte le persone di colore saltare alto e non tutti gli ebrei amano i soldi. Ho usato un cartone animato fatto da qualcun altro perché ha Super Mario e ho pensato che fosse divertente e non offensivo. Ancora una volta, mi dispiace”.

MO