Flat Tax, Salvini presenta la sua proposta

Matteo Salvini (PHOTO/VINCENZO PINTO- Getty images)
Matteo Salvini (PHOTO/VINCENZO PINTO- Getty images)

Sulla cosiddetta Flat Tax, ovvero l’aliquota unica al 15%, il leader della Lega Nord, Matteo Salvini, sembra intenzionato a fare sul serio e lo ha ribadito oggi a Milano nel corso di un’iniziativa alla quale ha partecipato Alvin Rabushka, ex consulente del presidente americano Reagan e attualmente docente ordinario di Economia alla Stanford University negli Stati Uniti. Ieri sera il segretario del Carroccio ha visto l’ex premier Silvio Berlusconi nella villa di Arcore, presente proprio il docente americano.

Oggi Salvini sottolinea che “l’importante è capire che si può” adottare “l’aliquota unica” per il fisco, ricordando: “Sembravamo dei matti ma ora stiamo dettando l’agenda politica ed economica in Italia e all’estero”. In apertura, il leader della Lega Nord ha voluto ringraziare “gli uomini che hanno promesso il piccolo grande miracolo che è la Lega nord, cioè Roberto Maroni e Umberto Bossi”, presenti in platea e accolti da una vera e propria ovazione.

Il n.1 della Lega Nord punta sul Sud: “Anche il federalismo non siamo riusciti a portarlo a casa, la mia scommessa è che il Sud ora sia pronto a un’Italia federale rispettosa delle autonomie. Quello che non abbiamo fatto venti anni fa dovrei riuscire a farlo adesso”. Poi le critiche al presidente del Consiglio: “Renzi una settimana depenalizza il furto, la truffa e i reati fiscali di ogni genere, la settimana dopo si accorge che qualcosa non funziona, promette sanzioni più grandi e intanto gli indagano due deputati per il Mose a Venezia”. Spiega Salvini: “C’è qualche piccolissimo problema di corruzione all’interno del Pd, temo”.

Il plauso di Silvio Berlusconi

Nel frattempo, in una nota, il presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi, osserva: “Nelle scorse settimane, ragionando sulle riduzioni del prelievo fiscale indispensabili per rimediare all’attuale andamento dell’economia, abbiamo riproposto il progetto di una flat tax, che avevamo già proposto nel 1994 ma che non è stato possibile realizzare nei nostri anni di governo per la contrarietà degli alleati, dell’opposizione e dei Presidenti della Repubblica a cui l’avevamo rappresentata”.

Prosegue Berlusconi: “Nel recente incontro con i vertici della Lega, oltre ad aver preso atto con soddisfazione del loro interesse per la flat tax, abbiamo anche deciso di dare il via ad un ‘Cantiere della libertà’, una squadra di lavoro per la definizione di un programma comune a tutto il centro-destra in vista di possibili prossimi appuntamenti elettorali”. Infine un riferimento all’iniziativa odierna del la Lega, che “dedica al tema della flat tax una iniziativa alla quale partecipa il Prof. Alvin Rabushka, col quale anche noi ci siamo a lungo intrattenuti la scorsa settimana, esaminando gli eccellenti risultati prodotti dalla flat tax in tutti i 38 Paesi che l’hanno adottata”.

“Rivolgiamo quindi alla Lega i nostri più cordiali auguri per la buona riuscita della odierna manifestazione”, conclude Silvio Berlusconi.

 

GM