Merkel: disoccupazione giovani troppo alta nell’Unione europea

 Angela Merkel  (Timur Emek/Getty Images)
Angela Merkel (Timur Emek/Getty Images)

La cancelliera tedesca Angela Merkel, parlando al Bundestag in vista del Consiglio europeo di oggi e domani, ha lanciato l’allarme sulla disoccupazione giovanile in Europa. “La disoccupazione giovanile in Europa è ancora troppo alta“, ha detto Merkel, spiegando che “sono e restano le imprese a fare posti di lavoro” e che quindi bisogna “mobilitare investimenti privati“. Quello di Merkel sembra un invito agli investitori privati a mettere soldi nel piano di investimenti del presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker, che prevede 315 miliardi di euro per l’Europa ricavati però dalla leva finanziaria di contributi statali e privati, che dovrebbero moltiplicare 15 volte i 21 miliardi stanziati nel bilancio Ue. Il piano dovrebbe passare oggi al vaglio del Consiglio europeo, dopo la presentazione ufficiale a fine novembre al Parlamento di Strasburgo e il vaglio dell’Eurogruppo ai primi di dicembre. Il Consiglio dovrà decidere se continuare a calcolare oppure no nel deficit gli investimenti per la crescita e soprattutto i contributi degli Stati al piano di Juncker, anche se quest’ultimo aveva promesso che non sarebbero stati inclusi nel deficit. Il premier Renzi chiederà maggiore flessibilità su questo fronte e c’è da scommetterci che sarà battaglia, con i tedeschi fermi sulle loro posizioni.

Sulla crisi economica in Europa, la cancelliera tedesca è stata ottimista anche se cauta: “Abbiamo la crisi sotto controllo, ma non l’abbiamo completamente superata“.

Il Consiglio europeo di oggi sarà presieduto dall’ex premier polacco Donald Tusk, che dal 1° dicembre ha preso il posto di Herman Van Rompuy. Questo sarà l’ultimo Consiglio sotto il semestre di presidenza italiana dell’Unione europea.

V.B.