Usa: nuove violenze della polizia contro afroamericani (video)

Polizia New York (Andrew Burton/Getty Images)
Polizia New York (Andrew Burton/Getty Images)

Ancora violenze ingiustificate da parte della polizia statunitense contro gli afroamericani. Un nuovo episodio si è verificato ieri a New York, dove un agente in borghese avrebbe picchiato un ragazzino di 12 anni afroamericano, stando alle immagini di un video diffuso sul web.

Il ragazzino era stato arrestato da alcuni agenti in divisa e mentre questi lo stavano tenendo fermo ed ammanettando è sopraggiunto un altro agente in borghese che inspiegabilmente ha iniziato a picchiare il dodicenne. La donna che stava riprendendo la scena ha fatto scivolare la videocamera e ha gridato all’agente di fermarsi. Il video è stato poi pubblicato su YouTube e ripreso da giornali e agenzie di stampa. In sottofondo si sente il commento di un’altra donna che dice: “non posso credere a quello ce ha fatto”. La violenza, come mostrano le immagini, è del tutto gratuita, poiché il ragazzo, letteralmente coperto dagli agenti che gli stavano intorno, era immobilizzato.

La polizia di New York ha detto che il dodicenne è stato arrestato insieme ad altri due ragazzi per aver aver aggredito una persona con un bastone. Comunque sull’episodio della violenza da parte dell’agente in borghese, la polizia ha fatto sapere di aver avviato un’indagine interna.

Nei giorni scorsi a New York e in tutti gli Stati Uniti si sono tenute numerose manifestazioni di cittadini contro la polizia, per l’uccisione ingiustificata di cittadini afroamericani. In particolare, New York è stata scossa dalla decisione dei giudici di non incriminare l’agente di polizia Daniel Pantaleo che lo scorso luglio aveva soffocato l’afroamericano Eric Garner durante un arresto. Secondo molti cittadini statunitensi questi episodi di violenza sono motivati solo dal razzismo.

Il video da YouTube con le immagini dell’aggressione al ragazzino arrestato

V.B.