Meridiana: sindacati approvano accordo su esuberi volontari

Aereo della Air-Italy meridiana (Getty Images)
Aereo della Air-Italy meridiana (Getty Images)

Si è risolta la trattativa sugli esuberi volontari per la compagnia aerea Meridiana, in uno degli ultimi giorni disponibili: dopo la firma del pre-accordo trovato nella notte tra il 23 e il 24 dicembre, fonti sindacali hanno riferito che è avvenuta anche la ratifica di questo passaggio nel corso del tavolo al ministero del Lavoro di questa mattina. In virtù dell’accordo tra il ministero e la compagnia di Aga Khan sono stati circa 200, finora, i lavoratori che non si sono opposti al licenziamento e hanno dunque deciso di finire volontariamente in esubero.Al momento sono circa 200 i moduli di “non opposizione al licenziamento” compilati e inviati negli uffici della Compagnia a Olbia

Il sottosegretario al lavoro, Teresa Bellanova, ha commentato soddisfatta l’esito finale: “Ha vinto il dialogo, la ragionevolezza e la voglia di scommettere ancora sul futuro”. I sindacati, comunque, anche dopo questa buona notizia, sottolineano che si tratta di un primo passo e che la situazione dell’azienda è ancora critica: si riprenderà il confronto a gennaio dal ministero dello Sviluppo, dove si discuteranno le sorti dei dipendenti rimasti, ma la loro posizione è molto cauta.

Questa titubanza, d’altronde, è emersa anche in occasione di tensioni precedenti alla sigla dell’accordo tra le sigle sindacali, con gli esponenti della Filt Cgil che avevano annunciato il loro benestare. Gianluca Budani, Rsa Filt Cgil, ha contestato la posizione spiegando che “le limitazioni imposte a questi tavoli hanno come unico effetto quello di allontanare dal tavolo le Rsa che rappresentano i lavoratori. C’è il rischio che la delegazione presente al tavolo non tenga conto del mandato espresso dalle Rsa. Per Meridiana Fly siamo dodici Rsa. Ieri, in un documento inviato alle segreterie nazionali e regionali, abbiamo comunicato che a maggioranza, otto su dodici, ci esprimevamo negativamente, quindi a non validare l’accordo in assenza di modifiche del documento. Per noi sono infatti presenti dei problemi di natura legale che potrebbero inficiare le trattative future”.

Di tutt’altro avviso Franco Monaco, della Filt Cgil Gallura, che al collega ha ribattuto: “E’ falso. La maggioranza delle Rsa, che sono una marea, si è espressa positivamente, quindi noi firmeremo l’accordo”. La ratifica del testo è stata siglata anche da Uil, Cisl e Usb.

Ap