Vina del Mar, è salentino l’unico europeo in gara

Michele Cortese
Michele Cortese (Foto Federica Signorile/Flickr)

E’ considerato il festival di Sanremo d’oltreoceano, anzi proprio con la “città dei fiori” è gemellato: stiamo parlando del Festival Internacional de la Canción de Viña del Mar, che dal 1960 si svolge in Cile, catturando l’attenzione di mezzo miliardo di telespettatori in tutto il mondo. Quest’anno, a rappresentare l’Italia nella competizione internazionale, anzi l’Europa, essendo l’unico esponente del Vecchio Continente in concorso, ci sarà Michele Cortese, 29enne artista salentino, “meteora” televisiva per aver vinto la prima edizione di X-Factor con il gruppo vocale Aram Quartet.

E mentre il suo ‘amico’ Antonio Maggio, dopo il dissolvimento del progetto, nel 2013 ha vinto la categoria ‘Giovani’ a Sanremo col divertente brano ‘Mi servirebbe sapere’, Michele Cortese da anni ha ripreso a fare vera e propria gavetta, tornando a suonare nei localini del Salento, insieme ad alcuni inseparabili amici musicisti, coi quali ha instaurato collaborazioni pluridecennali, ma non trascurando la produzione di brani inediti: due i dischi da solista dopo l’esperienza con gli Aram Quartet, ‘Il teatro dei burattini’ e ‘Vico Sferracavalli 16’, che gli hanno dato la possibilità di collaborare con Lucio Fabbri e Francesco Gazzé, tra gli altri.

Ma l’incontro sicuramente più fortunato di questi anni è stato senza dubbio quello con Franco Simone, altro artista salentino, vendutissimo negli anni Settanta, grazie a brani di successo come ‘Cara droga’ oppure ‘Tu… e così sia’. Nel 2012, i due realizzano un singolo, ‘Riflesso’, che nella versione per il mercato latinoamericano diviene un vero e proprio classico. In questi ultimi mesi, Franco Simone e Michele Cortese si sono reincontrati, tant’è che il brano che andrà a Viña del Mar, ‘Per fortuna’, è stato scritto proprio dal primo.

Michele Cortese, dunque, insegue il sogno di vincere un prestigioso festival, quello che lanciò Paolo Meneguzzi e che negli ultimi anni è stato vinto da diversi artisti italiani: nove in tutto quelli nel palmares della competizione canora, gli ultimi in ordine di tempo Domenico Protino, Simona Galeandro e Denise Faro. A ‘spaventare’ l’artista salentino, nella 56esima edizione del festival, che si svolgerà dal 22 al 27 febbraio, un mostro sacro della musica degli anni Ottanta, Bobby Kimball, storica voce della band statunitense dei Toto.

 

GM