Inizia la guerra ai contanti?

(Sean Gallup/Getty Images)

Venerdì in Consiglio dei Ministri si tratterà il decreto sulla fatturazione elettronica. Il Governo presenterà il piano per semplificare gli scambi commerciali, ma anche per impedire a molti di fare i furbi su scontrini, ricevute e fatture.  Il decreto – operativo dal 1° gennaio 2017 – si basa su tre punti fondamentali: scontrini e ricevute digitali; fatturazione elettronica tra privati; tracciabilità dei mezzi di pagamento. L’idea non è del tutto nuova, ma prende le mosse da un vecchio progetto del governo Prodi.

Il primo passo per abbandonare il cartaceo prevederà l’obbligo per commercianti, artigiani e professionisti di memorizzare e trasmettere telematicamente al fisco tutti i corrispettivi giornalieri. La novità è che scontrini e ricevute potranno viaggiare anche attraverso smartphone e tablet.  Si incentiverà l’utilizzo del Pos (come già da un po’ di tempo a questa parte il Governo sta facendo).  Tutto ciò ovviamente per tutelare l’inalterabilità dei dati.

Insieme a queste notizie, ieri si era diffusa anche la falsità secondo la quale il Governo avrebbe avuto l’intenzione di introdurre un’imposta da bollo proporzionale ai versamenti giornalieri superiori ai 200 euro. Per la felicità delle banche che avrebbero visto la notevole riduzione dei costi di gestione del contante.

Nonostante le innumerevoli tasse che spuntano fuori da un giorno all’altro, per fortuna quest’ultima notizia è stata smentita subito dal Mef (Ministero dell’Economia e delle Finanze). Luigi Casero, viceministro dell’Economia, al telefono ha negato l’esistenza della suddetta senza mezzi termini ed ha assicurato che il testo che il Tesoro porterà in Cdm venerdì è ancora oggetto di modifiche e ripensamenti.

Così, seppur gli italiani da sempre preferiscano l’utilizzo dei contanti alle carte di credito e bancomat, ancora i loro patrimoni sono salvi da ulteriori tassazioni. Anche perché se dobbiamo pagare pure per versare i nostri risparmi, bisogna pensare sul serio a tornare a nasconderli sotto il materasso.

BT