Ruby-ter: Berlusconi pagherebbe ancora la giovane

Ruby (GIUSEPPE ARESU/AFP/Getty Images)
Ruby (GIUSEPPE ARESU/AFP/Getty Images)

Karima El Mahroug, nota semplicemente come Ruby, continua a far parlare di sé e a creare grattacapi all’ex presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, assolto in appello dall’accusa di prostituzione minorile, ma ora nuovamente coinvolto in una tranche dell’inchiesta ribattezzata “Ruby-ter”, che sta valutando se possa esserci stato un condizionamento nei confronti dei testimoni ai due processi sui cosiddetti ‘bunga-bunga’ ad Arcore.

Il nuovo sospetto è che Berlusconi avrebbe fatto ricevere negli ultimi mesi alla giovane marocchina denaro in contanti, in tranche fino a 15mila euro, consegnato da alcuni emissari tra Milano e Genova, dove la donna, oggi 22enne, vive. Gli accertamenti tributari e giudiziari stanno portando alla luce spese tutt’altro che nelle capacità di quella che il mondo conobbe qualche anno fa come Ruby Rubacuori: una megafesta di compleanno da 7mila euro per la figlia Sofia, shopping in negozi di alta sartoria e una vacanza alle Maldive per nove giorni per due persone, che la marocchina avrebbe fatto col suo nuovo compagno.

Dall’inchiesta coordinata dal procuratore aggiunto Pietro Forno e dai pm Luca Gaglio e Tiziana Siciliano, che ha portato nei giorni scorsi a perquisizioni domiciliari nei confronti di una ventina di ragazze coinvolte nel caso Ruby, emerge però che – a differenza degli altri episodi – Karima El Mahroug non avrebbe ricevuto il denaro dal ragioniere Giuseppe Spinelli, tesoriere di fiducia dell’ex premier, ma da emissari non meglio noti, che l’avrebbero raggiunta a Milano e Genova.

Nelle indagini emerge anche il ruolo avuto da un legale, Luca Giuliante, perquisito ieri, il quale avrebbe avuto l’incarico di gestire le richieste di denaro della marocchina a Berlusconi, consigliandole anche di non esagerare. Ciò nonostante, negli ultimi tempi, sono diversi i regali che la giovane marocchina si è fatta da sola e che ha fatto alle sue amiche. Nelle scorse ore, infine, è stata perquisita la casa di Iris Berardi, la giovane forlivese di origine brasiliana che avrebbe partecipato ai presunti festini a luci rosse nella residenza di Arcore. Anche da queste perquisizioni, la magistratura inquirente spera di fare chiarezza sui conti di Ruby e delle altre ragazze, che sarebbero state foraggiate economicamente, sostengono i pm, in cambio del loro silenzio e di dichiarazioni accomodanti.

GM