Roberta Ragusa: prosciolto il marito

Roberta Ragusa
Roberta Ragusa

Si apriva oggi il processo a carico di Claudio Logli, il marito di Roberta Ragusa, la donna misteriosamente scomparsa nella notte tra il 13 e il 14 gennaio del 2012 da San Giuliano Terme, in provincia di Pisa. La Procura di Pisa aveva chiesto per l’uomo il rinvio a giudizio per omcidio volontario e distruzione di cadavere. Il giudice dell’udienza preliminare (Gup) Giuseppe Laghezza ha tuttavia disposto per l’uomo il non luogo a procedere. Claudio Logli pertanto è prosciolto da ogni accusa.

Secondo il procuratore di Pisa Antonio Giaconi c’erano “indizi gravi, precisi e concordanti” in base ai quali Antonio Logli doveva essere processato. “E’ un bugiardo patentato”, lo aveva definito il pm Roberto Giaconi. “Logli portava avanti da molti anni una relazione clandestina con un’amante che era una persona intima della moglie e ciò dimostra la sua capacità di simulare e dire menzogne”, ha detto il pm spiegandi il “quadro psicologico” nel quale sarebbe maturato il delitto.