Bullismo, picchiano compagna disabile davanti a insegnante

Disabile (INDRANIL MUKHERJEE/AFP/Getty Images)
Disabile (INDRANIL MUKHERJEE/AFP/Getty Images)

Ancora un episodio di baby bullismo, stavolta all’istituto alberghiero Giulio Pastore di Varallo, nel vercellese, dove due compagni e una compagna di classe di un ragazzina disabile l’hanno aggredita in classe con calci, pugni e sputi, davanti agli occhi dell’insegnante, che però non è intervenuta. Il video della “performance” ancora una volta è finito sui social network e su Whatsapp, prima di essere rimosso dai carabinieri di Borgosesia, che sono facilmente risaliti all’identità degli aggressori, denunciandoli.

Si tratta di un episodio per nulla dissimile a quello avvenuto a Montemurlo, nel pratese: una 18enne disabile è stata maltrattata da una compagna qualche mese più grande. La vicenda è finita sotto la lente di ingrandimento della procura di Prato, che ha spedito i carabinieri a casa della giovane “aguzzina”, ora indagata per violenza privata e stalking. Tre i video, che coinvolgono anche un compagno di classe che sgambetta la disabile e altri che la insultano perché ha i capelli sporchi. I filmati sono stati scoperti dal fratello della vittima.

Spiega il preside dell’istituto: “Qualche giorno fa, un mio collaboratore è stato portato a conoscenza dei fatti: a lui la madre della vittima ha mostrato due video. In quei filmati però non si riscontravano episodi rilevanti. C’è probabilmente un terzo video, di cui noi non siamo a conoscenza, dove si evidenziano i fatti”. Adesso il dirigente scolastico ha aperto un’indagine interna sugli episodi e per capire se sono necessari procedimenti disciplinari, sottolineando: “Noi facciamo la nostra indagine, la procura la sua”. A detta dei carabinieri, comunque, queste vicende vanno avanti da dicembre.

GM