Saluzzo: condannato prof. che faceva sesso con gli studenti

Insegnante a scuola (Christopher Furlong/Getty Images)
Insegnante a scuola (Christopher Furlong/Getty Images)

Pesante condanna a carico di un insegnante di scuola media di Costigliole Saluzzo, in provincia di Cuneo. L’uomo era stato rinviato a giudizio lo scorso agosto per aver avuto rapporti sessuali con alcuni suoi studenti. Il giudice dell’udienza preliminare lo ha condannato a 11 anni e 4 mesi di reclusione, al pagamento di una multa di 50mila euro e all’interdizione perpetua dall’insegnamento. Il processo si è svolto con il rito abbreviato. L’uomo era accusato di violenza sessuale, prostituzione minorile e detenzione di materiale pedopornografico. Secondo i pm l’insegnante avrebbe abusato della sua posizione per adescare i ragazzi e intrattenere con loro incontri sessuali a pagamento, che venivano ripresi con una videocamera come fossero degli spettacoli. Le immagini venivano poi salvate dall’uomo sul suo computer. I fatti sarebbero avvenuti dal 2010 al 2014. La pubblica accusa aveva chiesto per lui una condanna ancora più severa, a 14 anni di reclusione, mentre la multa chiesta era inferiore, 40mila euro. Il Gup ha riconosciuto le attenuanti generiche.

Sono disperato, undici anni sono troppi” ha detto l’insegnante ai suoi avvocati. I legali hanno definito la pena ingiustificata, caratterizzata da una condanna morale piuttosto che giuridica, sottolineando che negli incontri sessuali “non c’è stato nessun costringimento” nei confronti dei ragazzi, che, tra l’altro, “non erano bambini”, hanno precisato. Il professore è stato anche condannato al pagamento di una provvisionale di 15mila euro per ognuna delle sei parti civili che si sono costituite in giudizio. A questo scopo i beni dell’insegnante sono stati sequestrati.

V.B.