Tassista violento, licenza sospesa

(Andreas Solaro/Getty Images)

E’ stata spesa la licenza al tassista che  giovedì scorso  ha aggredito brutalmente un 64enne vicino a Piazza Barberini. E’ stato il  sindaco di Roma Ignazio Marino a renderlo noto
«Con tutte le carte in mano, i nostri uffici hanno proceduto alla sospensione cautelativa della licenza di questo tassista – ha spiegato il primo cittadino – Chi si macchia di queste azioni non può continuare a lavorare per un servizio pubblico di questa città».  Il provvedimento era stato anticipato nelle scorse ore da Guido Improta, assessore alla Mobilità e ai Trasporti e ai Rapporti del Comune di Roma. A scatenare la reazione  del tassista sarebbe stato un  parcheggio dell’automobile negli spazi riservati ai taxi da parte dell’uomo. Si era trattava di una sosta di pochi minuti – ha successivamente spiegato l’aggredito – giusto  il tempo per poter andare a comprare nella vicina farmacia alcune medicine per il figlio down. «Ho chiamato l’uomo aggredito dal tassista e ho verificato una situazione se possibile ancora più grave. Ha il femore rotto e la mandibola fratturata, è arrivato in fin di vita in ospedale, costretto a una trasfusione di quasi 2 litri di sangue – ha detto  il sindaco ricordando l’accaduto  – Parlo di un padre che si era fermato a prendere delle medicine per il figlio, il quale a sua volta ha avuto una crisi respiratoria aggravata dall’aver assistito a tanta violenza. L’avevamo anticipato».

ADB