Giubileo: il Papa istituisce missionari per confessare e perdonare l’aborto

Papa Francesco Aborto Giubileo
Papa Francesco (Andreas Solaro/Getty Images)

Il Giubileo sarà un evento fondamentale per i Cristiani di tutto il mondo e durante l’Anno Santo tutti potranno essere perdonati per i propri peccati. Papa Francesco ha voluto avere un occhio di riguardo per chi ha commesso peccati particolari, quelli che riguardano l’aborto. Per questo il Pontefice ha istituito un “corpo speciale” di “missionari della misericordia”. Si tratta di sacerdoti che saranno inviati appositamente nelle varie diocesi con il compito e la facoltà di assolvere dai peccati che, per la loro particolare gravità, possono essere “cancellati” solo dal penitenziere maggiore o dal vescovo. Tra questi c’è anche l’aborto. I missionari della misericordia potranno confessare e perdonare sia la madre “che ha compiuto l’aborto sia i medici, gli operatori sanitari e le altre persone che hanno collaborato a procurarlo”.

Questa iniziativa è contenuta nella bolla di indizione del Giubileo Misericordiae Vultus con la quale il Papa ha reso ufficiale l’indizione dell’Anno Santo. Nella bolla si legge che il Papa darà l’autorità di perdonare anche i peccati che sono riservati alla Sede Apostolica, perché sia resa evidente l’ampiezza del loro mandato”. Dunque un’iniziativa molto forte da parte del Pontefice su un tema così delicato per la Chiesa come quello dell’aborto. Il Papa aveva già fatto capire che la Misericordia sarà per tutti e questa sua iniziativa va in questa direzione, in un senso di inclusività, nella volontà di non voler lasciare fuori nessuno dalla possibilità di ricevere il perdono di Cristo.

F.B.