Papa Francesco: “Chi si sposa è coraggioso”

Papa Francesco Matrimonio Chiesa
Papa Francesco (Andreas Solaro/Getty Images)

Papa Francesco continua a parlare del grande tema che pervade il suo Pontificato e la sua missione: la famiglia. All’udienza generale in Piazza San Pietro ha proposto un’approfondita riflessione sul matrimonio cristiano chiarendo subito in modo deciso cos’è il matrimonio in Chiesa e anche cosa non deve essere: “Esso non è semplicemente una cerimonia che si fa in chiesa, coi fiori, l’abito, le foto…. Il matrimonio cristiano è un sacramento che avviene nella Chiesa, e che anche fa la Chiesa, dando inizio ad una nuova comunità familiare”. Proseguendo, aiutandosi con le parole dell’apostolo Paolo, Papa Francesco istituisce un confronto e un parallelismo tra l’amore di chi si sposa e l’amore che c’è tra Cristo e Chiesa: “Ispirato dallo Spirito Santo, Paolo afferma che l’amore tra i coniugi è immagine dell’amore tra Cristo e la Chiesa. Una dignità impensabile! Ma in realtà è inscritta nel disegno creatore di Dio, e con la grazia di Cristo innumerevoli coppie cristiane, pur con i loro limiti, i loro peccati, l’hanno realizzata!”. Dunque il Pontefice ci tiene a sottolineare come ci sia una vera e propria analogia tra i due tipi d’amore e prosegue poi con un invito diretto ai mariti: “Il marito – dice Paolo – deve amare la moglie «come il proprio corpo» (Ef 5,28); amarla come Cristo «ha amato la Chiesa e ha dato sé stesso per lei» (v. 25). Ma voi mariti che siete qui presenti capite questo? Amare la propria moglie come Cristo ama la Chiesa. Questi non sono scherzi, è serio

Il Papa poi descrive che cos’è il matrimonio e lo fa con parole quasi poetiche: “Il sacramento del matrimonio è un grande atto di fede e di amore: testimonia il coraggio di credere alla bellezza dell’atto creatore di Dio e di vivere quell’amore che spinge ad andare sempre oltre, oltre sé stessi e anche oltre la stessa famiglia. La vocazione cristiana ad amare senza riserve e senza misura è quanto, con la grazia di Cristo, sta alla base anche del libero consenso che costituisce il matrimonio”. Infine il Pontefice rende omaggio a chi decide di sposarsi con la consapevolezza che l’amore tra moglie e marito è qualcosa di più grande, di trascendente rispetto ai nostri sentimenti terreni: “La decisione di “sposarsi nel Signore” contiene anche una dimensione missionaria, che significa avere nel cuore la disponibilità a farsi tramite della benedizione di Dio e della grazia del Signore per tutti. Infatti gli sposi cristiani partecipano in quanto sposi alla missione della Chiesa. E ci vuole coraggio per questo, eh! Per questo quando io saluto i novelli sposi dico: ‘Ecco i coraggiosi!’, perché ci vuole coraggio per amarsi così come Cristo ama la Chiesa”.

F.B.