Russia, stretta sull’alcol? Ci si scola anche l’antigelo

Moscow, RUSSIAN FEDERATION:  TO GO WITH AFP STORY BY VICTORIA LOGUINOVA This undated file picture, shows Russians purchasing vodka from a street kiosk in Moscow. A reform aimed at protecting Russian consumers from substandard alcohol is turning Russia into a country where even vodka, the nation's drink of choice, is becoming scarce, experts warned. "Russia could become a country without alcohol by September," said Boris Titov, head of the trade association Business Russia. AFP PHOTO  ALEXANDER NEMENOV  (Photo credit should read ALEXANDER NEMENOV/AFP/Getty Images)
(Alexander Nemenov/Getty Images)

Sembra che il Cremlino abbia deciso una nuova stretta sugli alcolici in Russia, mossa che generalmente dovrebbe essere accolta con favore visti i danni che prodotti come la vodka producono su chi è affetto dalla dipendenza dal bicchiere. A destare preoccupazione, però, è la possibilità che questa nuova ondata di “proibizionismo” possa far tornare in voga vecchie abitudini quando a Mosca, e nella sterminata steppa, per far fronte alla frustrazione delle indigenze, ci si scolava di tutto, dallo shampoo all’antigelo dell’auto, a prodotti cosmetici.

Nella lotta contro l’alcolismo, i provvedimenti del governo prevedono che, a partire dal 1 giugno prossimo, siano vietati (senza una particolare autorizzazione alla vendita) i prodotti che contengano anche solo lo 0,5% di alcol. Il problema è che gli alcolizzati russi sono molti di più di quelli che le cifre raccontano, e probabilmente non si farebbero troppi scrupoli a compiere scelte scriteriate alla ricerca di una goccia di alcol, quale che sia il prodotto che lo contiene. Secondo Nicola Lombardozzi, l’inviato in Russia di La Repubblica, ai tempi dell’Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche, lo scrittore maledetto Venedict Erofeev riuscì a pubblicare, nonostante le censure, “Mosca sulla vodka” (recentemente ri-editato anche in Italia) in cui descriveva i cocktail “in voga” ai tempi della penuria di vodka.

Un esempio? Il “Trippa di cagna”: 100 grammi di birra, 30 grammi di shampoo, 70 grammi di lozione antiforfora, 15 grammi di colla, 30 grammi di olio per i freni e 30 grammi di insetticida. Pronti con lo shaker e per l’assaggio? A parte gli scherzi, il nostro consiglio è quello di evitare categoricamente.

CM