Lite in famiglia, 15enne tenta il suicidio

Falconara (foto Luca Boldrini, licenza CC-BY-2.0)
Falconara (foto Luca Boldrini, licenza CC-BY-2.0)

Un ragazzo di 15 anni è rimasto ferito alla testa da un colpo sparato da un fucile ad aria compressa,a Falconara, nell’anconetano e ora è ricoverato in gravissime condizioni in ospedale. Il ragazzo è gravissimo in ospedale ed è stato sottoposto a un delicatissimo intervento chirugico alla testa per rimuovergli un piombino. Da quanto si è appreso dalle prime indagini dei carabinieri, sarebbe stato lo stesso adolescente ad esplodere il colpo, con il fucile è di proprietà del patrigno.

In base alla ricostruzione, il ragazzo, nella notte tra martedì e mercoledì, avrebbe preso l’arma appoggiandola a terra rivolta verso di sé e avrebbe premuto il grilletto. La madre e il compagno, svegliati da un rumore sordo, si sono precipitati verso il posto della casa da dove questo era partito e hanno trovato il ragazzino in una pozza di sangue, con una ferita alla tempia. Ora si trova in coma, nel reparto di rianimazione dell’ospedale regionale di Torrette.

Il ragazzino, appassionato di soft air e giudicato problematico, aveva lasciato la scuola e la sera prima avrebbe avuto una lite con la mamma. Secondo quanto sostengono i militari dell’Arma dei carabinieri della Tenenza di Falconara, dissidi in famiglia e problemi di natura personale sarebbero alle origini della tragedia, che ha preceduto di poche ore il suicidio di un 27enne di Grottazzolina, nel fermano, che la madre ha rinvenuto impiccato in garage questa mattina.

GM