Rapina con siringa: semina il panico, poi viene bloccato

Siringa (OMAR TORRES/AFP/Getty Images)
Siringa (OMAR TORRES/AFP/Getty Images)

Un pomeriggio lavorativo che difficilmente dimenticheranno tre commessi di un punto Wind a Montegrotto Terme, in provincia di Padova, minacciati con una siringa da un rapinatore, che si è fatto consegnare l’incasso giornaliero, circa 930 euro, per poi darsi alla fuga. L’uomo è stato poi inseguito da alcuni passanti ed è stato bloccato dal proprietario di un bar, Fabio Babetto, con alcuni avventori, e Mauro Aerelli, dell’omonimo negozio di biciclette.

Quindi sono giunti sul posto due carabinieri in borghese, seguiti poco dopo da una pattuglia del Nucleo Radiomobile. L’uomo non si è arreso e ha ingaggiato una vera e propria colluttazione con alcuni militari dell’Arma che avevano provato a bloccarlo, ferendone due lievemente, prima di essere immobilizzato e messo nelle condizioni di non nuocere. L’uomo arrestato è Francesco Antonio De Vito, 49 anni, nato a Bari e residente a Mestre.

Racconta Stefano Bergami, uno dei dipendenti del centro Wind, ai quotidiani locali: “In quel momento ho avuto ovviamente paura. Non mi era mai capitata una situazione del genere. L’uomo è entrato con la siringa. Era magro, alto un metro e 75 e non mi sembrava sotto l’effetto di stupefacenti. Avevo appena chiuso il negozio quando è arrivato, chiedendomi se poteva ancora avere una ricarica per il telefonino. Una volta entrato, mi ha minacciato e io ho solo cercato di fare quello che mi diceva per non correre rischi”.

Prosegue nel racconto il commesso: “Gridava ‘dammi i soldi, dammi i soldi’. Sono stato molto attento a non entrare in contatto con la siringa. In quel momento credevo di avere perso tutto, ma fortunatamente un collega è riuscito ad uscire da un’uscita secondaria, andando a chiedere aiuto al vicino bar Desperados. Siamo riusciti a chiamare in fretta i carabinieri. Quando il malvivente è uscito mi sono messo a rincorrerlo assieme a due colleghi e ai clienti del bar gridando Al ladro! Al ladro!”.

GM