“Atene venda le isole per ripianare i debiti con la Germania”

Isole greche Grecia
(Chris Jackson/Getty Images)

La provocazione arriva ancora una volta dal giornale tedesco Bild. Il quotidiano tedesco sostiene a gran voce che la Grecia per ripagare i propri debiti debba vendere tutte le sue isole. Non è la prima volta che dalla Germania arriva una proposta del genere. Sempre la Bild mesi fa aveva proposto ad Atene di mettere in vendita l’Acropoli.

L’idea della Bild nasce dalle prime privatizzazioni di Tsipras che ha costituito un fondo da 50 miliardi di euro nel quale dovranno confluire beni pubblici privatizzati come immobili, società e aeroporti. Secondo i tedeschi in questa lista dovrebbero finire almeno 150 delle 598 isole greche di proprietà statale che potrebbero essere vendute oppure affittate per 99 anni. L’elenco delle isole “vendibili” è piuttosto nutrito e c’è anche un tariffario. Alcuni esempi? 500mila euro per Avgò, poche spiagge, ma grotte mozzafiato in 162mila metri quadrati di isola, 7 milioni di euro per Fleves, a sud del Pireo, 1,2 milioni di euro per l’Isola Due Fratelli nelle Sporadi.

L’idea potrebbe non essere poi soltanto una provocazione e diventare cosa concreta dato che a quanto pare Tsipras sta pensando di semplificare le normative per le licenze per la costruzione di hotel e porti turistici.

Nel frattempo in Grecia la situazione è ancora piuttosto caotica con lo sciopero dei controllori di volo che rende complicate le vacanze di molti turisti con ben 22 voli cancellati nella sola giornata di ieri all’aeroporto internazionale di Atene e una nuova agitazione sindacale prevista per il 14 agosto.

F.B.

Leggi anche:

Germania, una potenza che non paga i propri debiti

Debiti di guerra della Germania, la Grecia insiste

“Schaeuble vuole imporre la troika anche all’Italia”