Migranti, vescovi contro governo: “Del tutto assente sul tema”

Migranti (GIOVANNI ISOLINO/AFP/Getty Images)
Migranti (GIOVANNI ISOLINO/AFP/Getty Images)

Dopo aver attaccato quelli che ha definito “piazzisti da quattro soldi”, il segretario della Cei, Nunzio Galantino, intervistato da ‘Famiglia Cristiana’, sul tema dei migranti prende di mira il governo, “che è del tutto assente sul tema immigrazione” e motiva: “Non basta salvare i migranti in mare per mettere a posto la coscienza nazionale. Potremmo imparare dalla Germania. Invece noi abbiamo sempre scritto leggi che respingono gli immigrati e non prevedono integrazione”.

Mons. Galantino replica al leader della Lega Nord, Matteo Salvini, e ai suoi attacchi verso “chi difende l’invasione” con “le tasche piene”: “Una banalità spaventosa nelle nostre strutture, quelle accreditate, la polizia ci porta gli immigrati e poi chi si è visto si è visto. Noi ci arrangiamo, tiriamo fuori soldi di tasca nostra e nessuno ci guadagna. Perché non vengono a vedere? Ogni tanto vengono a dare un’occhiata, appare magari un impiegato della Asl per controllare e basta”.

Insiste il segretario della Cei: “I piazzisti sono molti, piazzisti di fanfaronate da osteria, chiacchiere da bar che rilanciate dai media rischiano di provocare conflitti. Ci sono vescovi che ospitano immigrati a casa propria e non si sono mai riempiti le tasche di soldi, anzi. Lo fanno anche Salvini, Zaia e Grillo?”. Critiche sia alla Turco-Napolitano che alla Bossi-Fini, in quanto “le pratiche per la richiesta di asilo sono lunghissime, un calvario la richiesta di permesso di soggiorno. Parcheggiamo gli immigrati qui e là in Italia”.

“Se invece ci fosse almeno uno stracco di permesso di soggiorno provvisorio potrebbero lavorare e la gente non li vedrebbe più bighellonare in giro e non direbbe che mangiano a spese degli italiani già in crisi. Ma nessuno spiega che è la legge che impone la non integrazione”, conclude mons. Galantino.

GM