Santanché infuriata con Galantino: “Da che pulpito viene la predica!”

Santanchè Galantino Politici
(Pier Marco Tacca/Getty Images)

Le reazioni più veementi alle parole del Monsignor Galantino arrivano soprattutto dal centro destra. La prima e forse più scomposta è quella di Daniela Santanché, parlamentare di Forza Italia: “Da che pulpito viene la predica! Quelle di Galantino sono offese gratuite nei confronti di chi si impegna per la cosa pubblica. In quanto a cooptati, harem e furbi, evidentemente Galantino in quanto capo dei vescovi se ne intende assai”. Il senatore Francesco Giro aggiunge: “Ho subito espresso solidarietà a monsignor Galantino per gli attacchi, oltretutto sciocchini, del quale è stato vittima e oggi mi accorgo più di ieri che rispetto ai tanti politici che lo attaccavano monsignor Galantino non solo si è dimostrato un osso duro, ma anche molto abile nel marketing delle sue idee. Rinunciando ad andare al convegno commemorativo su de Gasperi ha ottenuto da un lato altro clamore sulla sua persona, e dall’altro un’attenzione oltre ogni previsione sul contenuto della sua lectio magistralis, certamente maggiore se si fosse presentato a leggerla”.

Di altro tenore il commento di Graziano Del Rio, Ministro delle infrastrutture e dei trasporti: “Conosco monsignor Nunzio Galantino, è una persona generosa, istintiva, sincera forse un po’ impolitica. Certamente lo stile della Chiesa è diventato più diretto negli ultimi tempi e io trovo che questo sia un bene in generale. Sulla questione degli immigrati apprezzo l’approccio di Papa Francesco e dei suoi collaboratori. La Chiesa parla degli immigrati ponendo al centro in modo radicale l’uomo, la sua responsabilità e la ricerca indispensabile delle soluzioni. Questa radicalità è ciò che non rende la Chiesa schiava del tempo, è la misura della sua contemporaneità. Da cristiano impegnato m politica è il corso che aspettavo da tempo”.

F.B.

Leggi anche:

Mons. Galantino ai politici: “Non cercate voti sulla pelle degli altri”