Migranti, Salvini propone: “Accogliamo solo i cristiani”

Matteo Salvini (MARCO BERTORELLO/AFP/Getty Images)
Matteo Salvini (MARCO BERTORELLO/AFP/Getty Images)

Ci sono ”numerose piattaforme dell’Eni in disuso in mare e sarebbe soluzione non sciocca riadattarle a centri di sosta, di accoglienza e di identificazione in modo tale da non arrecare disturbo alla popolazione circostante. Studiamone la fattibilità”: è questa l’ultima proposta in materia di immigrazione lanciata dai microfoni di Radio Padania Libera dal segretario federale della Lega Nord, Matteo Salvini, che ha aggiunto a proposito: “Se è vero che ci sono piattaforme utilizzate non vedo perché non si possano utilizzare per altro…”.

Salvini ha poi evidenziato come – a suo avviso – l’esecutivo italiano debba “copiare il modello slovacco: se proprio dobbiamo accogliere immigrati, che siano di religione cristiana. In attesa di bloccare questa invasione organizzata” Il leader del Carroccio, inoltre, chiede che “il governo Renzi imponga di accogliere un nucleo limitato di persone a noi culturalmente più vicino. E mi piacerebbe che Galantino si esprimesse su questo”.

E a proposito di monsignor Nunzio Galantino, segretario generale della Cei, e delle sue recenti polemiche, Salvini attacca: “Continua a rompere le palle. Galantino dice che la politica è sempre governata dagli interessi e poi sui giornali si leggono i funerali di un boss celebrati in pompa magna. E’ evidente che c’è una parte della chiesa più interessata al denaro e ad altri valori”.

In seguito, contattato dall’agenzia Askanews, Salvini ha smentitole ricostruzioni giornalistiche secondo cui avrebbe avuto recenti colloqui o incontri con il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi: “Ho letto sui giornali di miei incontri e telefonate con Berlusconi. Ma io non l’ho né sentito né incontrato. Lo chiamerò la prossima settimana, ma non c’è niente di pianificato”.

GM